Digital R(E)volution, Francesco Beraldi all’Adriano Olivetti Day 2015

Il digitale, come innovazione dirompente, ha modificato l’organizzazione sociale e trasformato il nostro modo di comunicare, e dato avviato un nuovo corso delle strategie di impresa e del fare innovazione.
Gli artigiani del digitale sono stati formidabili innovatori anche del modo di produrre, inaugurando la prima “impresa orizzontale” con la nascita della comunità Open Source. L’Open Source abbia attuato un innovativo modello di produzione sociale in cui la collaborazione è un tassello essenziale: un modo di lavorare incentrato sulla partecipazione.

Nella visione di Francesco Beraldi l’orizzontalizzazione delle strutture d’industria, verso la quale il mondo dell’impresa si sta dirigendo, implica cambiamenti fondamentali nella strategia d’impresa: le aziende sono chiamate a incentivare la condivisione e la capacità di fare rete promuovendo un ambiente aperto e collaborativo. Oggi l’imprenditore che innova è colui che ha la capacità di ascoltare e captare i filoni da sviluppare che spesso vengono scoperti non più da una ricerca in house, ma dagli stessi users: ecco perché per fare innovazione è indispensabile avere capacità di osservazione e ricercare la diversità.
La creatività è cumulativa e collaborativa: si ottiene per sedimentazione di idee e capacità di riuso.

L’intervento di Francesco Beraldi all’Adriano Olivetti Day 2015.